Una valigia piena di…umanità

oamorexiste

Il valore delle cose non sta nel tempo in cui esse durano
 ma nell’intensità con cui vengono vissute;
per questo esistono momenti indimenticabili,
cose inspiegabili e persone incomparabili.
Fernando Pessoa

Ogni anno, in qualunque città io mi trovo, partecipo alla Notte Europea dei Ricercatori (iniziativa promossa dalla Commissione Europea fin dal 2005 che coinvolge ogni anno centinaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei). Un po’ perché ho una sorellina biologa che mi ha insegnato a coglierne l’importanza, un po’ perché mi piace tuffarmi oltre l’ignoto. L’evento diventa per me una di quelle manciate di ore in cui mi scopro più ignorante di quanto già mi sento ogni giorno: ho la prova che quotidianamente dò per scontato tanti meccanismi essenziali per far funzionare il mondo in cui vivo e respiro.
Quest’anno è stata la volta di Lisbona e del Museo della Scienza, nel quartiere Oriente: il ventitré settembre mi ero incamminata da sola per visitare un nuovo pezzetto della città e avevo deciso di entrare nel museo. Posso ringraziare quella scelta e soprattutto la mia curiosità. Sia per ciò che mi ha aiutato a sapere, sia per un incontro che ancora adesso mi sta portando tanta gioia. Dietro ad uno stand sulla ricerca nella microbiologia sorrideva una ragazza portoghese: volevo provare a capire qualcosa di quei funghi in vetrino e ho domandato spiegazioni. Credo di aver provato un amore a prima vista. Per quella persona e per ciò che con lei finora ho vissuto.
Ho passato un fine settimana viaggiando tra parolacce portoghesi e fresca amicizia: con Ana (la ragazza che sorrideva dietro lo stand) e alcuni amici, sono partita in macchina e insieme abbiamo attraversato il Portogallo alentejano (regione nel cuore del Paese). Quei giorni sono stati l’ennesima conferma della preziosa umanità che vivo quotidianamente qui. Rara, genuina e spesso commuovente.
Potrei e vorrei riportare centinaia di esempi che annoto sulla mia moleskine, per rendere omaggio a un popolo e una realtà che finora io non avevo mai vissuto.  E credo che piano piano, con le mie briciole, lascerò tracce anche su generAzione rivista.

Il Portogallo è tuttora uno dei paesi europei più abbattuti dalla crisi. Il lavoro manca, la disoccupazione aumenta in modo esponenziale, i tagli sono evidenti soprattutto nell’istruzione e nella sanità, la disillusione politica dilaga e gli scioperi per protesta continuano. La gente è nervosa, pessimista, preoccupata.
La settimana scorsa è stato rapinato il supermercato a poche centinaia di metri da casa mia: alle sette di sera sono entrati, in tre, armati di coltelli. Non si sono diretti verso la cassa. Verso il denaro. No. Hanno svuotato il banco della carne e altri scaffali: hanno rubato cibo e sono scappati. Manca cibo. Manca la materia prima per sopravvivere.
Qualche sera fa ho visto un uomo che dormiva alla fermata del bus. L’amica che era con me ha detto che lui ha fatto di quel luogo la sua dimora e si sente “privilegiato”: dorme ogni notte su una poltrona abbandonata, coperto e illuminato dalle pubblicità. Lisbona è tappezzata di umanità che vive in strada: chi per scelta, chi perché non ha alternative. Trovo persone con umori diversi. Oggi un signore seduto per terra, in un angolo, mi ha sorriso: chiedeva elemosina per un pasto caldo e di fianco a quel pezzo di carta aveva scritto “un’offerta per una birra e un sorriso”.
Anche nell’educazione la situazione è critica. Sempre più famiglie iscrivono i bambini nelle scuole pubbliche, perché sono meno costose e garantiscono un servizio giornaliero totale: i ragazzini entrano in aula alle 8:15 e spesso escono col buio, alle sette di sera. I genitori fanno fatica ad essere genitori: lavorano tutto il giorno per mantenere una vita dignitosa e spesso vedono i loro figli solo all’ora di cena, prima di metterli a letto.
Nella scuola in cui insegno, si respira un clima strano: una macedonia di spensieratezza quando i docenti si ritrovano nella sala professori e di difficoltà, problemi che lasciano nelle aule. Le classi che prima non arrivavano alla ventina di alunni, ora sono quasi raddoppiate. Vi sono ragazzi con seri problemi familiari che non possono essere aiutati: nella mancanza di finanziamenti per un’assistenza sociale, gli insegnanti sono sempre più preoccupati e a volte disperati perché non riescono ad affrontare situazioni delicate e difficili.
È realtà. Le difficoltà sono tante. Negli autobus e nelle strade si respira sempre più tensione tensione. La sento anch’io.
Tuttavia ciò che apprezzo del popolo portoghese è la volontà di stringere i denti, vivere ed aiutare nonostante pessimismo e problemi. Un’umanità che assorbo più che posso e ogni volta che posso. Una grande voglia di trovare il lato sorridente della giornata e di tendere la mano in tutti i modi possibili: per fare in modo che le persone si sentano a proprio agio e che non incontrino la solitudine, quella poco piacevole.

Da una settimana il fado (il genere di musica popolare che rappresenta il Portogallo) è stato aggiunto dall’Unesco alla lista dei beni immateriali patrimonio dell’umanità: dal latino fatum (destino), è musica che si ispira al sentimento portoghese della saudade e racconta temi di emigrazione, di lontananza, di separazione, dolore, sofferenza. Il pessimismo è intriso nella voce che dialoga con la guitarra portuguésa e fa umanamente parte di questo popolo. Eppure… coi loro sorrisi cercano di superare questa sfiducia.

About these ads

scrivici che ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Lettori

    • 66,189
  • Archivio

  • Iscrivendoti potrai leggere gli articoli appena postati, i commenti fatti, le immagini pubblicate.

  • La rivista e l'intero materiale presente su questo sito appartengono ai loro legittimi proprietari. Le opere possono essere trasmesse purché siano segnalati gli autori e non sia a scopo di lucro. Tutto quello che viene scritto nella rivista e sul sito è espressione individuale del suo autore. Le immagini utilizzate sono sempre degli autori di generAzione e dei suoi collaboratori, dove non indicato sono state prese dal web ricercando immagini in CC e prive di copyright. Se vedi un'immagine che ti appartiene contattaci subito e la toglieremo.

    Creative Commons License 2013 - generAzionerivista
  • Creative Commons License

    Ebuzzing - Top dei blog - Letteratura Ebuzzing - Top dei blog - Cultura

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 3.161 follower