Piccoli esorcismi…ma in amicizia

mezzala

→ AAA

Prima avventura letteraria del musicista e compositore genovese, Michele Mezzala Bitossi è Piccoli esorcismi tra amici, romanzo in cui l’autore vaga a zig zag fra i suoi ricordi più reconditi per parlare di sé e di chi gli è vicino.
La narrazione è impostata come se fosse un diario personale e dà spazio al racconto di storie reali. Tutto si intreccia infittendosi in una trama senza troppi particolari e dettagli.
Tantissimi momenti di vita trascritti come pezzi di carta senza una logica definita, frammenti di verità quotidiana in cui possiamo rispecchiarci.
La premessa che Bitossi fa del suo libro è Bitossi stesso: non ha nulla di interessante e strano da raccontare, anzi ammette − senza farsene una colpa − di non avere né l’intenzione né la capacità o la voglia di impostare una qualsiasi struttura narrativa.
Il suo stile nasce quindi rude e abbozzato e tale rimane, senza cambiamenti, umile e modesto, senza pretese di sorta. Un tratto molto raro da trovare negli autori che ci circondano oggigiorno.

Normalmente ho una certa diffidenza verso autori di questo tipo, negli scrittori non di professione, perché c’è il rischio, spesso, di trovarsi di fronte libri pieni di assurdità e fin troppo personali. Detto con tutta sincerità: che non mi / ci interessano.
Questo libro, invece, ci aiuta a riflettere e devo dire che l’ho trovata una lettura piacevole, non troppo impegnativa, con 118 pagine che scorrono velocemente.
Unica nota dolente sono le 40 pagine di testi musicali dell’autore. Direi che il racconto bastava a se stesso senza alcuna aggiunta.

“Io non demordo.
La musica che creo e le parole che ci butto sopra fortunatamente non sono più motivo di potenziale frustrazione, di corsa all’oro spasmodica e scomposta.
Il confine è stato oltrepassato, si è polverizzato l’incubo di vedere sogni in agguato da tutte le parti: vivere alla giornata mi fa finalmente vivere le giornate che un tempo mi morivano tra le braccia alle due di pomeriggio per resuscitare dopo una mezza settimana di buio totale e devastante.
Ora le canzoni escono perché devono uscire non in quanto parti di una progettualità a largo respiro: preproduzione, produzione artistica, mixaggio, videoclip, promo radio, promo tv, radio day, press day, tour, rapporti con manager, A & R.
Dopo anni sto cominciando a partorire qualcosa di davvero sensato.
Il nuovo approccio è ormai l’unico possibile.”

Il titolo ha indubbiamente un significato profondo, “Mezzala” prima di scrivere questo libro ha dovuto affrontare un lutto e, come capita con la scrittura, scrivere lo ha aiutato a capire ed esorcizzare la perdita, il dolore. Gli amici compagni fondamentali per guarire.
Mi sento di consigliarne la lettura, in modo particolare a chi conosce Michele come compositore e musicista, ma anche a chi non vuole una lettura pesante e vuole perdersi in una realtà che non è la propria.

Michele Mezzala Bitossi ha scritto questo libro, ed è il primo (e forse ultimo, da come dice sul suo blog). Genovese, fondatore e leader dei Laghisecchi (2 album all’attivo), guida dal 2003 i Numero6 con cui ha realizzato tre album, un ep e numerosi singoli.

Qui potete comprare il libro e qui potete vedere il booktrailer!

160 pagine, gennaio 2012,
Habanero Erga Editore
prezzo 12 euro

Abbiamo recensito questo libro anche su aNobii! Se siete anche voi nella famosa libreria virtuale aggiungeteci! www.anobii.com/genrivista/books

About these ads

scrivici che ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Lettori

    • 64,551
  • Archivio

  • Iscrivendoti potrai leggere gli articoli appena postati, i commenti fatti, le immagini pubblicate.

  • La rivista e l'intero materiale presente su questo sito appartengono ai loro legittimi proprietari. Le opere possono essere trasmesse purché siano segnalati gli autori e non sia a scopo di lucro. Tutto quello che viene scritto nella rivista e sul sito è espressione individuale del suo autore. Le immagini utilizzate sono sempre degli autori di generAzione e dei suoi collaboratori, dove non indicato sono state prese dal web ricercando immagini in CC e prive di copyright. Se vedi un'immagine che ti appartiene contattaci subito e la toglieremo.

    Creative Commons License 2013 - generAzionerivista
  • Creative Commons License

    Ebuzzing - Top dei blog - Letteratura Ebuzzing - Top dei blog - Cultura

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 3.160 follower