Al di la’ del check point

 

Mentre il sole risplende scaldando l’asfalto, la tua macchina improvvisamente viene fatta arrestare. Un militare, con un mitra in mano più grande di lui, ti chiede passaporto, nazionalità e ti pone mille altre domande, prima di farti passare. Se ti fa passare. Nel mio caso rappresenta un ostacolo all’ andare oltre, verso i Territori palestinesi, ma ci siamo mai fermati a riflettere su quanti check point dobbiamo affrontare nella nostra vita?A quanto sia una metafora più che mai attuale, visti gli ostacoli che si frappongono alla realizzazione dei nostri sogni? Tutti abbiamo di fronte un check point. L’importante è non arrendersi, ma fare di tutto per andare oltre. Sempre. Questa rubrica vuole essere non un semplice diario di viaggio, ma una testimonianza delle gioie, ma anche delle difficoltà che affronto quotidianamente per seguire il mio fuoco sacro interiore: quello del giornalismo. Sulle orme di Tiziano Terzani, Oriana Fallaci e Ilaria Alpi.

 

Alessandro Belotti  (bio)

Scrivere una biografia, seppur breve, è un’operazione ad alto rischio di vanagloria. Per non parlare delle aspettative che quest’ultima insinua nel potenziale lettore: più la biografia è lunga e più l’oggetto della stessa sarà interessante?non sempre questo è vero. Quindi, per non tediare il mio gentile lettore, la ridurrò all’osso: cerco di fare il giornalista e di farlo nel modo più corretto, obiettivo e indipendente che questa tanto vituperata quanto affascinante professione in decadenza consenta. Attualmente scrivo per il quotidiano locale della mia città, L’Eco di Bergamo, faccio reportage televisivi in Israele e Palestina per Telepace e ho lavorato per LifeGate Radio, la radio che , oltre a trasmettere ottima musica, si dà un gran da fare per promuovere stili di vita corretti e sostenibili. Al Festival della Letteratura di Mantova ho conosciuto dei ragazzi che come (e più di) me avevano il talento e la passione per la scrittura: finalmente, mi sono detto!Ed eccomi qui, a raccontarvi di questa terra martoriata, sempre avido di storie, tampinando, taccuino e microfono alla mano, personaggi illustri e non, con domande in cinque lingue diverse, facendo ovviamente del sano quanto vitale sincretismo tra le stesse. Moleskine, taccuino del supermercato da pochi euro, fogli sparsi, scontrini, segnalibri della biblioteca: ho scritto praticamente su qualsiasi supporto cartaceo mi capitasse sottomano. Ma non è l’oggetto in sé a essere importante, sono le parole che scriviamo a renderlo unico e prezioso. E anche qui, su generAzione rivista, dove di cartaceo non c’è nulla, sono le parole a farla da padrone: e con queste cercherò periodicamente di farvi vedere ciò che vedono i miei occhi. Insciallah.

 

1) La street art ebraica e araba /  on air: 21 marzo 2011

2) Jerusalem here i am / on air: 28 marzo 2011

3) Mai più Masada cadrà / on air: 4 aprile 2011

4) Iqrit, il villaggio fantasma / on air: 11 aprile 2011

5) Intervista a Lamis Andoni, giornalista palestinese di Al Jazeera / on air: 9 maggio 2011

6) I papaveri rossi del Golan / on air: 16 maggio 2011

7) The Wall, il checkpoint attraversato a piedi / on air: 24 maggio 2011

8) Un giovane soldato israeliano si racconta / on air: 30 giugno 2011

9) Il kibbutz, un sogno diventato realtà / on air: 15 luglio 2011

 

 

 

Comments
7 Responses to “Al di la’ del check point”
  1. si parte il 21 marzo. ON AIR!

  2. iurimoscardi scrive:

    Non perdetevelo!!!!!!!

  3. giovanna taranto scrive:

    Come scrive Alessandro!!!Termini esaurienti e spontanei che mi trasmettono sensazioni nell’animo,pensieri di condivisione;e quell’Insciallah finale che non ricorda solo Oriana,ma la spiritualità che dovrebbe unire gli Uomini in quanto tali. Grazie,Alessandro!

  4. Alessandro scrive:

    Genuino e Vero. Grazie Alessandro!

  5. Alessandro Belotti scrive:

    Shukan a voi, davvero. Le vostre parole mi hanno fatto molto piacere, anche perché denotano una sensibilità e un’attenzione verso questa terra davvero speciale. Nelle ultime ore, come saprete, ci sono stati avvenimenti sanguinosi in Israele che hanno provocato un’ondata di tensione e malessere molto contagiosa, anche per chi vive qui come ospite. Le vostre parole, però, hanno avuto la preziosità non solo di rallegrarmi ma di darmi un’ulteriore spinta non solo verso la voglia di raccontare, ma anche di non perdere la speranza che questi odii atavici possano un giorno avere fine. Grazie ancora!

scrivici che ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Lettori

    • 65,113
  • Archivio

  • Iscrivendoti potrai leggere gli articoli appena postati, i commenti fatti, le immagini pubblicate.

  • La rivista e l'intero materiale presente su questo sito appartengono ai loro legittimi proprietari. Le opere possono essere trasmesse purché siano segnalati gli autori e non sia a scopo di lucro. Tutto quello che viene scritto nella rivista e sul sito è espressione individuale del suo autore. Le immagini utilizzate sono sempre degli autori di generAzione e dei suoi collaboratori, dove non indicato sono state prese dal web ricercando immagini in CC e prive di copyright. Se vedi un'immagine che ti appartiene contattaci subito e la toglieremo.

    Creative Commons License 2013 - generAzionerivista
  • Creative Commons License

    Ebuzzing - Top dei blog - Letteratura Ebuzzing - Top dei blog - Cultura

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 3.161 follower