le porte del sole

di Elisa Zanola

La penna bagnata

Dai primi raggi visionari

Dell’astro solare

Galleggia sulla strada.

Chi l’ha gettata

Nel fango?

Tra i binari

Del vero,

una traccia irriconoscibile.

Aveva già scritto questo

L’inchiostro impercettibile,

nell’invenzione

-è lui che l’ha usata!-

dell’autore pervertito

Della nostra

Terrestre aberrazione?

È la vita

Il laboratorio maligno

Delle sue spietate

sperimentazioni.

Abbiamo svelato

Con le nostre morti

La sua sadica rivelazione!

Ora affondiamo

Le punte

Nel disprezzo

Spezzando

La sua mano carnefice!

Bastino i coltelli

Della nostra disperazione

A trapassare

La durezza

Del pugno artefice,

Della sua volontà!

Guardami, occhio infame,

guardami immensa crudeltà

Da cui l’essere

Ha avuto inzio,

sventrami

con il tuo sguardo

 inceneritore,

sole di tutti i soli!

Svelami, materia,

le tue inumane

corrispondenze:

voglio annegare

nel veleno simoniaco

della tua inintelleggibile

parola!

Rendimi le tue presenze!

Sono un’ologramma

Della tua immaginazione,

il tuo incubo

che chiede vendetta!

Sono uno dei tuoi libri,

inconcludente, orribile,

che hai abbozzato

e mai finito di scrivere,

sono la dannata combinazione

della tua infernale sinfonia!

Guarda gli scacchi

Senza posizione

Del tuo sogno

Interrotto!
Voglio la formula,

l’equazione,

 le note, le sillabe

per intenderti!

Niente di tutto ciò?

Certo, non siamo

Che gli avatar

Della tua infausta

programmazione!

Come comprenderti?

Ma qualcosa

Della tua allucinazione

Dovremo pur intendere!

Dovrà pur apparire

Un simbolo

Nelle nebbie

Del tuo inconscio!

Non è questo

Frammento granulare,

terrestre,

con i suoi microbi umani

la realtà:

siamo solo una possibilità!
Siamo forse una parte

del tuo immenso

organismo?

O gli strumenti

Del tuo macabro

Piacere,

del tuo onanismo?

Siamo l’estrema

Perversione

Di un meccanismo

Tra tanti:

quante altre specie

hai sperimentato,

quante altre grida

di creature informi

nel cosmo

hai segregato?

È nella statistica

Combinatoria

La tua ludica intelligenza?

Dove trovarti,

scienza di ogni scienza?

In tutte le cose

Una tua traccia,

ma in quale specchio

orribile

contemplerò

la tua faccia?

Dimentico,

tu non hai volto

e la tua indecifrabile

anatomia

non è compatibile

con la mia.

Eccolo, il vagito

Insano

Di ogni religione!
Ma io sono umano,

io voglio CAPIRE,

vederti, reagire!

Ti detesto.

Ed è dal folle

Cortocircuito

Della mia rabbia

Che protesto!

Non ti si può confinare

Nella sfera dell’ignoto,

del negativo,

del non scibile:

tu non sei dio,

anche tu

sei solamente

una combinazione

possibile!

Nelle stazioni

Della coscienza

Hai aumentato

La sorveglianza:

dai pure

ai tuoi guardiani

uniformi inquisitorie,

terribili,

giustifica la prossima

inevitabile mattanza

con l’irresistibile fascino

della tua violenza!

Noi siamo il tuo

Ludico passatempo,

la tua scrittura

imperfetta,

il tuo divertimento!
Ma tu con noi

sei solo il prodotto

intelligente

d’un altro

potere ardito:

non lo intuiamo

ma il gioco è infinito!

Annunci

scrivici che ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Lettori

    • 81,669
  • Archivio

  • Iscrivendoti potrai leggere gli articoli appena postati, i commenti fatti, le immagini pubblicate.

  • La rivista e l'intero materiale presente su questo sito appartengono ai loro legittimi proprietari. Le opere possono essere trasmesse purché siano segnalati gli autori e non sia a scopo di lucro. Tutto quello che viene scritto nella rivista e sul sito è espressione individuale del suo autore. Le immagini utilizzate sono sempre degli autori di generAzione e dei suoi collaboratori, dove non indicato sono state prese dal web ricercando immagini in CC e prive di copyright. Se vedi un'immagine che ti appartiene contattaci subito e la toglieremo.

    Creative Commons License 2013 - generAzionerivista
  • Creative Commons License

    Ebuzzing - Top dei blog - Letteratura Ebuzzing - Top dei blog - Cultura