Precari dentro

philipe-petit

Il prossimo numero, il ventesimo, di generAzione rivista è ormai pronto, e tra poco lo pubblicheremo. Lo abbiamo dedicato a un tema molto “nostro”, cioè la precarietà: non solo sul lavoro, ma proprio come condizione esistenziale di perenne insicurezza che ci accompagna da parecchio e sembra ci accompagnerà ancora per anni.
Non vi anticipiamo nulla, perché è un numero speciale e diverso dal solito, ma per darvi un assaggio di quello che sarà pubblichiamo questa poesia, che ci ha regalato la nostra amica Laura Ghirlandetti; s’intitola Precari dentro.

Precario è quando tutto slitta
e non c’è fondo
a quanto in basso puoi rannicchiarti
denudarti
deluderti
sprangarti
al mondo
dentro una stanza rinchiusa
polverosa
pile di piatti
sporchi mai lavati
come i tuoi tentativi malnati.

rimettiti a posto
e fatti la barba
lavati pettinati e profumati
sii competitivo ed ordinato
ti urlano da fuori i bravi e i buoni
ma precario è opposto
precario è steso
su questo letto di sterpaglia
in controvoglia
senza un nome e senza ruolo
in assolo.

in controtendenza urlo
questa è l’essenza
dell’aver tempo
di darsi noia
di riscoprirsi inutili e senza gioia
delle letture
e delle seghe
questo è il tempo d’adolescente forzato
che il sistema non vede
dell’immigrato del senza nome
a cui è negato dalla sua pancia
aver ‘sto tempo senza sostanza.

è inutilità rappresa
senza contesa
ripetizione
e stordimento
che non ha nome
nè un suo lamento
ma solo uno sbadiglio
che prende assedio
nel tedio
nel tuo aspettare
promesse vane.

annientamento non movimento
la pace è restare senza godimento
annientare il dolore
e la radice del male
che sta nell’eterno desiderare
siderale contrapposto al nostro reale
c’è l’ideale della fantasia
fantastica regina dell’anima mia
ma poi la fortuna megera e truffalda
richiama la lotta nella vera stanza
e così dai sogni ti svegli
obeso, servo conteso dalla castità
da questo aver nulla di tutto volere
di questo tendere e non avere.

spingiti oltre i confini
corporei confini
che stanno
a volere
soltanto
godere
limitati
a respirare
limitati
a non guardare
respirati tutto fuori
per non aver di che
avvertire
che non sei solo
che non sei uno
ma sei tutti
tutto e nessuno.

precario
è Dario
e Mario
che hanno deciso
di condivider
la stanza
insieme ai servizi
di viver avvezzi
a carezze notturne
maschie virili
di cosce villose
lo hanno deciso
senza un accordo
sconvolti dal rialzo dei prezzi
dei monolocali del porto
e delle prostitute rumene
di quelle che di controlli
non se parla ma attento se sgarri
non hai più la corda e poi
chi parla?

Dario e Mario
equilibrio precario
coppia di assurdi
omoni villosi
sognan di forme curve di donna
ma vivon insieme nella bisogna.

se hai fame
non esistono le stelle
le dolci caramelle
se le hai provate le ricordi
ma se hai fame
non le puoi pensare
non le puoi volere
davvero per te.

se hai fame
i cherubini hanno i capelli di
pasta ma non i finissimi capelli d’angelo
ma fusilli interi o morbidi pici per stagione
di primavera
che se hai fame il tuo dio
sa di Miele
sa di pasta e di carote
sa di pane caldo al sole.

Annunci

scrivici che ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Lettori

    • 82,436
  • Archivio

  • Iscrivendoti potrai leggere gli articoli appena postati, i commenti fatti, le immagini pubblicate.

  • La rivista e l'intero materiale presente su questo sito appartengono ai loro legittimi proprietari. Le opere possono essere trasmesse purché siano segnalati gli autori e non sia a scopo di lucro. Tutto quello che viene scritto nella rivista e sul sito è espressione individuale del suo autore. Le immagini utilizzate sono sempre degli autori di generAzione e dei suoi collaboratori, dove non indicato sono state prese dal web ricercando immagini in CC e prive di copyright. Se vedi un'immagine che ti appartiene contattaci subito e la toglieremo.

    Creative Commons License 2013 - generAzionerivista
  • Creative Commons License

    Ebuzzing - Top dei blog - Letteratura Ebuzzing - Top dei blog - Cultura