Francesco Vico e le avventure di un Luchi e di uno Striche

Val Bormida

→AAA

Le avventure di Luchi e Striche nasce sicuramente dall’idea di raccogliere le storie di provincia e farne libro più omogeneo, ambientato, in questo caso, nella Valle Bormida.
Ci troviamo nell’entroterra ligure, dove sono sparpagliati numerosi e diversi paesini attaccati dalla mostruosità delle moderne industrie. Il mare non è molto lontano ma sembra di essere in una terra di confine, non più Riviera Ligure e nemmeno Piemonte, dove si sviluppano caratteristiche e particolarità tutte sue.
Protagonisti di questo romanzo sono i giovani, spassosi abitanti della valle che ci porteranno tra storie d’amore e feste a base di birra a ridere in maniera incontrollata. Tra loro ci sono due ragazzi: Luchi, lato passeggero, alto, biondo, svogliato e Striche, lato guidatore, moro, dall’aspetto gradevole e sempre visibilmente incazzato.

“Quei due, Luchi e Striche, sono seduti al tavolo ed hanno appena finito di mangiare ma non ancora di bere. Con loro c’è anche P. Balla detto Minchia. Tutti e tre hanno sostituito la maglietta dell’Oktoberfest con la maglietta della Festa di Inizio Estate 2007 e stanno rievocando i bei tempi andati e le sbronze prese in tanti anni di felice carriera. P. Balla detto Minchia: «E te lo ricordi il Capodanno di… aspetta… tre anni fa? Quello a casa mia?» – Striche: «Quando Luchi ha fatto bere a Gianni l’Intruglio?»”.

I due, attraverso avventure e disavventure, capiranno che forse la vita andrebbe vissuta in maniera totalmente diversa, senza sprecare ogni secondo del proprio tempo perchè essa rimane la cosa più importante che abbiamo. Purtroppo non tutti se ne rendono conto o evitano di pensarci, come sembrerebbe in questo caso. I ragazzi infatti, imperterriti, continueranno a vivere nello stesso modo senza cambiare di una virgola.
Ritroviamo tutto questo all’interno della storia, quando arriviamo ad un punto in cui P. Balla detto Minchia fa una riflessione e l’espone ai suoi amici:

“P. Balla detto Minchia: «Pensavo a quanto sia importante questa festa, quanto significhi per noi tutti questa serata, noi, poveri mortali ed imperfetti, costretti a vagolare senza scopo per questo mondo, e feste come questa ci aiutano a sopportare il peso dell’esistere, il dolore ad esso collegato, magari per poche ore soltanto dimenticate che…» – Striche: «Non dire altre stronzate, Mionchia, altrimenti ci arrivi vagolando a piedi a Cosseria»”.

Scritto da Francesco Vico, il libro è spassoso e divertente, pur lasciando l’amaro in bocca: si evidenzia una realtà ai margini, di una valle che ancora non si è creata una sua identità.

Nota negativa è quella della forma: non si può dire che Le avventure di Luchi e Striche è un romanzo, nell’eccezione letterale e classica del termine, ma più una prosa, una sceneggiatura dai dialoghi molto avvincenti. Per questo riesce a tenere il lettore incollato alle (poche) pagine fino alla fine. Molte le trovate davvero geniali, una storia che coinvolge ed è anche capace di affascinare il lettore.

Il libro, pubblicato dal Centro Studi Tindari Patti di Patti (ME) è in vendita nelle principali librerie online (ibs, unilibro, libreriauniversitaria) e scontato del 15% su Deastore.com. Costa 10 euro.

Francesco Vico
francescovico.blogspot.com
luchiestriche.blogspot.com

Abbiamo recensito questo libro anche su aNobii! Se siete anche voi nella famosa libreria virtuale aggiungeteci! www.anobii.com/genrivista/books

Per l’immagine ringraziamo qui

Comments
3 Responses to “Francesco Vico e le avventure di un Luchi e di uno Striche”
  1. mett scrive:

    libro veramente divertente, da leggere tutto di un fiato! complimenti all’autore!

  2. francescovico scrive:

    Onoratissimo di avere una recensione proprio qui, grazie.

scrivici che ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Lettori

    • 78,217
  • Archivio

  • Iscrivendoti potrai leggere gli articoli appena postati, i commenti fatti, le immagini pubblicate.

  • La rivista e l'intero materiale presente su questo sito appartengono ai loro legittimi proprietari. Le opere possono essere trasmesse purché siano segnalati gli autori e non sia a scopo di lucro. Tutto quello che viene scritto nella rivista e sul sito è espressione individuale del suo autore. Le immagini utilizzate sono sempre degli autori di generAzione e dei suoi collaboratori, dove non indicato sono state prese dal web ricercando immagini in CC e prive di copyright. Se vedi un'immagine che ti appartiene contattaci subito e la toglieremo.

    Creative Commons License 2013 - generAzionerivista
  • Creative Commons License

    Ebuzzing - Top dei blog - Letteratura Ebuzzing - Top dei blog - Cultura